ITALIANOINGLESE

Notizie
TRADITRICE E MANTENUTA

Autore / Fonte:
TRADITRICE E MANTENUTA Non è andata bene ad una donna che ha deciso di andare dal giudice al fine di ottenere il soddisfacimento di una serie di richieste: addebito della separazione a carico del marito, assegnazione della casa coniugale, affidamento condiviso del figlio minore con collocamento prevalente presso di sé, contributo di almeno mille auro al mese per il mantenimento dei due figli, oltre al versamento del 50% delle spese straordinarie.

La Suprema Corte di Cassazione (sentenza 10823) ha infatti deciso che toccasse alla donna versare un assegno di mantenimento mensile, pari a 400,00, al marito. Ciò perché la donna, fedifraga, non è riuscita a provare che non ci fosse un nesso di causa – effetto tra i tradimenti da lei perpetrati e la fine del matrimonio; tradimento che è stato anche immortalato dalle foto scattate da un investigatore privato. La relazione investigativa, benché successiva alla richiesta di separazione, confermava una situazione pregressa conforme alle deposizioni testimoniali ed è stata accolta in giudizio come una vera e propria prova.
La signora quindi, versando in condizioni economiche nettamente migliori rispetto a quelle del coniuge, si è vista riconoscere l’addebito per colpa, avendo violato uno dei doveri coniugali fondamentali (art. 143, secondo comma, cod. civ.), pur avendo ottenuto però l’assegnazione della casa coniugale e l’affido condiviso del figlio minorenne.


Richiedi informazioni su TRADITRICE E MANTENUTA

----