ITALIANOINGLESE

Notizie
SI RISPOSA SENZA AVER PRIMA DIVORZIATO: CONDANNATO PER BIGAMIA

Autore / Fonte:
SI RISPOSA SENZA AVER PRIMA DIVORZIATO: CONDANNATO PER BIGAMIA È possibile dimenticarsi di divorziare? Pare di sì. È quello che è successo ad un uomo piemontese di 42 anni, che nel 2009 si era sposato, per la prima volta, a Milano, e nel 2016 si è sposato con un’altra donna nella provincia di Biella.
Peccato però che i Servizi Demografici del comune piemontese si siano “accorti” che l’uomo risulta ancora sposato con la prima moglie. È stata fatta quindi segnalazione ai carabinieri, che hanno fatto partire un’indagine. Effettivamente l’uomo non aveva mai divorziato. Una “dimenticanza”, a suo dire, che però gli è costata una condanna per bigamia: un anno di carcere più le spese processuali.
Ricordiamo infatti che il Codice penale punisce con la reclusione, fino a cinque anni, chi si lega in matrimonio non essendo libero da precedenti vincoli. Il reato di bigamia scatta quando l’unione con l’altra persona è formale, e rientra nei delitti contro la famiglia, nello specifico contro il matrimonio. È un atto che offende la famiglia e la sua morale.
La stessa pena viene disposta a chi, non essendo sposato, convola a nozze con una persona già sposata (art. 556 c.p.).
La legge quindi non punisce solo il bigamo, ma anche chi sposa il bigamo, pur essendo libero. Si parla in questo caso di bigamia impropria. La pena va ad acuirsi se il bigamo induce in errore la persona che va a sposare, dichiarando un falso stato civile, raggirandola.
Molte persone separate credono che possa bastare la separazione per risposarsi, ma ovviamente non è così.
Secondo la sentenza della Cassazione del 7 marzo 2007 n. 9743, il reato di bigamia si integra anche quando il matrimonio è avvenuto all’estero, con un cittadino straniero.
Nel 2017 il codice penale ha integrato una nuova legge, per la quale anche chi contrae due unioni civili commette il reato di bigamia, esattamente come chi si sposa. Stessa cosa vale anche per chi si sposa e poi contrae un’unione civile o viceversa. La coesistenza di due obblighi non estinti costituisce reato.
È anche per questa ragione che è sempre importante procedere ad una attività investigativa prematrimoniale, prima di legarsi legalmente a qualcuno, per non rischiare di essere complici di un reato in maniera inconsapevole, e per avere un quadro completo del futuro coniuge e delle sue abitudini, verificandone la fedeltà, la reale occupazione, la situazione patrimoniale, le sue abitudini, le sue frequentazioni e le sue condotte.


Servizi associati a questa notizia

Richiedi informazioni su VERIFICA - PERSONE FISICHE