ITALIANOINGLESE

Notizie
PERCHÉ I MILLENNIALS TRADISCONO MENO DEGLI OVER 40?

Autore / Fonte:
PERCHÉ I MILLENNIALS TRADISCONO MENO DEGLI OVER 40?
Da un recente studio è emerso che la fascia nata tra il 1980 ed il 2000, quella dei cosiddetti millennials, è meno infedele delle generazioni precedenti.

Oggi, infatti, ad essere sul podio dei traditori sono i 45/50enni, soprattutto se sposati, con la tendenza a divorziare, proprio a causa dell’infedeltà, nei primi cinque anni di matrimonio.

Dati che la nostra agenzia investigativa può confermare, visto che chi si rivolge più spesso a noi per delle investigazioni sull’infedeltà coniugale ha una relazione con un partner che ha in media tra i 45 ed i 60 anni.

Il coniuge che sospetta (o sa) di essere tradito ha la necessità di effettuare delle indagini per due ragioni principali:
 
  • Raccogliere prove dell’infedeltà da presentare in giudizio, nei casi di separazione e di divorzio;
  • Eliminare o confermare i dubbi ed i sospetti sull’infedeltà del partner.
Gli investigatori privati, oltre a procedere con delle attività di monitoraggio e di pedinamento del coniuge fedifrago, raccogliendo prove foto/video dell’infedeltà, effettuano anche delle attività di Web Intelligence, OSINT e SOCMINT, perché al contrario di quello che si pensa, l’utilizzo dei social e delle piattaforme online per la ricerca di nuove conoscenze ed avventure è molto più comune tra gli over 40 che tra i giovanissimi.

È vero che moltissimi degli utenti sono under 24, ma secondo dati aggiornati al 2018 sull’utilizzo dei social network in Italia, gli over 40/50 sono quasi il doppio dei connazionali più giovani, ed il social più utilizzato dagli over 40 è Facebook, che invece i giovanissimi non utilizzano praticamente più.

Ma perché i millennials tradiscono di meno?
Una recente ricerca, denominata “Sexual and emotional life of youths”, effettuata su alcuni studenti universitari, ha rivelato che i rapporti d’amore instaurati dai giovanissimi sono più duraturi di quelli della generazione precedente, e che i giovanissimi iniziano prima ad avere rapporti sessuali, ma sono molto più fedeli degli adulti.

Secondo lo studio, le ragioni vanno ricercate nella maggiore libertà della quale i giovanissimi godono, la possibilità di frequentare il partner apertamente, di poter uscire e viaggiare con lui, il minor divario sociale e culturale, la minore differenza tra donne e uomini nel vivere una relazione di coppia.
Un tempo, invece, ci si sposava in maniera più frettolosa, a volte, per acquisire al più presto la propria indipendenza, anche perché la convivenza non era vista ancora “di buon occhio”, mentre oggi è quasi una tappa obbligatoria, per i giovani, prima del matrimonio, se mai ci fosse il desiderio di contrarlo, visto che nel 2019 abbiamo avuto, in Italia, oltre 11mila matrimoni in meno rispetto all’anno precedente.

La voglia di evasione e di trasgressione, quindi, è più forte e insistente negli over 40 che nei giovani, che sono al contrario più romantici, oltre che fedeli, perché hanno scelto il partner che ha dato loro delle vere emozioni, tra tutte le possibili persone incontrate online o nella vita reale.
Mentre per gli adulti, a volte, il partner è stata una scelta necessaria, non fortemente voluta, e forse il matrimonio è stato solo la conseguenza di una lunga relazione, una evoluzione più sociale che sentimentale, dettata più dalle aspettative che dall’amore.

Nonostante gli over 40 desiderino liberarsi dai loro tabù, però, molto spesso hanno paura di farlo realmente, e per questo tradiscono, perché possono conservare quella stabilità familiare che il coniuge ed i figli danno, potendo però testare nuove emozioni ed esperienze.


Servizi associati a questa notizia

Richiedi informazioni su INFEDELTÀ VIRTUALE DEL PARTNER

----