ITALIANOINGLESE

Notizie
LOCKDOWN E VIOLENZA  SULLE DONNE: MENO DENUNCE, PIÙ FEMMINICIDI

Autore / Fonte:
LOCKDOWN E VIOLENZA  SULLE DONNE: MENO DENUNCE, PIÙ FEMMINICIDI
91 femminicidi nei primi dieci mesi dell’anno, secondo i dati Eures. Una donna uccisa ogni tre giorni. L’apice di una violenza purtroppo radicata nella nostra cultura, nella nostra società, nella quale la discriminazione di genere, gli stereotipi, le disuguaglianze, sono parte della quotidianità di ogni donna.
Donne che hanno come unica colpa quella di essere donne. Paradossale, ma tristemente reale.
L’isolamento che la pandemia ha necessariamente generato è stato per molte donne l’aggravarsi di un incubo. I dati parlano chiaro: tra marzo e maggio di quest’anno le richieste di aiuto pervenute al numero verde 1522, il centralino del Dipartimento Pari Opportunità, sono più che raddoppiate, con un aumento del 119% rispetto agli anni precedenti. Richieste arrivate di notte, di mattina presto, quando è più facile nascondersi.  
Durante il confinamento è diminuita però la possibilità di denunciare, di allontanarsi dalla propria casa, di tentare una nuova indipendenza. Solo il 14,2% delle donne che hanno contattato il 1522 ha poi denunciato.

Nel 2020 l’Istat registra un maggior numero di violenze domestiche che non hanno una storia pregressa, evidentemente nate nel periodo della pandemia, poiché era inevitabile il contatto stretto con il proprio carnefice.
Per facilitare il percorso verso la denuncia, il 9 Agosto del 2019 è entrato in vigore il Codice rosso, del quale anche l’Avv. Chiara Reposo ci ha parlato nella sua intervista (leggi qui), che ha introdotto nuove forme di reato e ha creato una corsia preferenziale per le vittime di violenza.
Il reato più diffuso (quasi 3000 indagini in un anno) è quello relativo alla violazione del provvedimento di avvicinamento e dell’obbligo di allontanamento dell’abitazione familiare, condotte riconducibili allo stalking ed al maltrattamento. Segue poi il reato di revenge porn con più di 1000 indagini in un anno, la deformazione dell’aspetto per lesioni permanenti al volto, con quasi 100 indagini annuali, e l’induzione o costrizione a contrarre matrimonio, con più di 30 indagini.
La violenza sulle donne ha ripercussioni in ogni ambito, a partire dalla famiglia, dove anche i bambini e le bambine pagano le conseguenze di questi orribili atti, così come nonni e familiari in genere, fino a toccare ogni aspetto della vita sociale di ognuno. Siamo tutti coinvolti. Siamo tutti chiamati a mettere in atto un cambiamento.
Esistono numerose associazioni, enti e servizi a tutela delle donne. Il primo passo è denunciare. È importante procurarsi delle prove, anche grazie al lavoro di una agenzia investigativa, che può essere di supporto nella raccolta del materiale che dimostri la violenza, la persecuzione, la molestia.  
È fondamentale rompere il silenzio. Smettere di sopportare. Agire e liberarsi.


Richiedi informazioni su LOCKDOWN E VIOLENZA  SULLE DONNE: MENO DENUNCE, PIÙ FEMMINICIDI

----