ITALIANOINGLESE

Notizie
LEGITTIMI I CONTROLLI DIFENSIVI SULLE TIMBRATURE

Autore / Fonte:
LEGITTIMI I CONTROLLI DIFENSIVI SULLE TIMBRATURE
Una recente sentenza della Cassazione Corte di Cassazione con la sentenza 20879/2018 ha confermato che è legittimo e rispetta l’articolo 4 dello Statuto dei Lavoratori un controllo effettuato a posteriori dal datore di lavoro sulle timbrature del cartellino di un dipendente.
In particolare, il caso riguarda un dipendente pubblico che risultava essere presente in più luoghi contemporaneamente, svolgendo mansioni diverse e percependo quindi il compenso per le ore di straordinario.
Il lavoratore infatti svolgeva consulenze tecniche in tribunale o nel proprio studio mentre risultava essere in missione fuori ufficio per la quale gli veniva riconosciuta anche l’indennità di trasferta. Per risolvere il mistero dell’ubiquità del dipendente il datore di lavoro ha verificato che l’uomo utilizzava un pass visitatori per entrare in ufficio nelle giornate di missione al posto del proprio pass personale.
Il controllo a posteriori rientra nei cosiddetti controlli difensivi ritenuti legittimi e rispettosi dello Statuto, in quanto non riguardano il mero adempimento dell’attività lavorativa ma un comportamento illecito del dipendente tale da giustificare il licenziamento per giusta causa.
I controlli difensivi possono essere demandai dal datore di lavoro alle agenzie investigative uniche autorizzate, mediante licenza prefettizia, a svolgere controlli difensivi per svelare e documentare comportamenti illeciti da parte del dipendente infedele.


Servizi associati a questa notizia

Richiedi informazioni su INVESTIGAZIONI PER INFEDELTA' SOCI E DIPENDENTI

----