ITALIANOINGLESE

Notizie
IN MALATTIA DAL LAVORO MA GESTIVA UN B&B ALLE CANARIE: TRADITA DAI POST SU FACEBOOK

Autore / Fonte:
IN MALATTIA DAL LAVORO MA GESTIVA UN B&B ALLE CANARIE: TRADITA DAI POST SU FACEBOOK
La recente vicenda di una dipendente di Atac, che da quasi due anni si era messa in malattia, mentre invece era alle Canarie a gestire un b&b, ha fatto riemergere l’importanza delle indagini investigative sui dipendenti infedeli anche tramite attività di OSINT e SOCMINT.
Infatti la dipendente, capostazione del gruppo di trasporti, nonostante continuasse ad inviare certificati medici per prolungare l’assenza per malattia, postava su Facebook numerosi post relativi alla sua seconda attività, ossia la gestione di un bed and breakfast a Puerto Rico, Gran Canaria.
Voglia di sole e relax? What else? Che altro? Contattaci per informazioni” scriveva la donna su Facebook, con annesse foto e link al sito web della casa vacanze di cui si occupava.
Proprio quei post le sono costati una doppia contestazione: atti non conformi, riferiti ai certificati medici falsi, e doppio lavoro, espressamente vietato dal regolamento aziendale. La dipendente è stata sospesa, e molto probabilmente verrà licenziata.
Gli investigatori privati possono essere chiamati dalle aziende ad intervenire nella verifica di tutte quelle situazioni sospette che riguardano i lavoratori, come una assenza per malattia così prolungata che potrebbe nascondere, con molta probabilità, un caso di falsa malattia.
Le prove relative alla reale condotta del dipendente vengono raccolte dagli investigatori sia tramite delle attività di pedinamento e di monitoraggio, per ottenere foto e video da inserire nel dossier investigativo da utilizzare in giudizio, sia tramite delle attività di web intelligence, come le indagini OSINT e SOCMINT.
In particolare, la SOCMINT (social media intelligence o SMI) si riferisce agli strumenti e alle soluzioni che permettono di analizzare le informazioni prodotte e scambiate attraverso i social media ed i social network.
La SOCMINT è un elemento dell’OSINT (Open Source Intelligence) molto utilizzato per la raccolta degli elementi online che riguardano i dipendenti infedeli, nella maggior parte dei casi pubblicati da loro stessi sui loro profili social o dai loro contatti.
Uno dei vantaggi di questo tipo di indagine è legato proprio alla connotazione “aperta” delle fonti, che permette all’investigatore di agire sempre nella massima legalità, nel rispetto della privacy e dello Statuto dei Lavoratori, poiché andrà a selezionare solo ciò che è pertinente all’illecito.
Tutte le informazioni raccolte dagli investigatori privati all’interno della rete, data la natura mutevole di questa, vengono cristallizzate nel tempo tramite software specifici che permettono di conservare l’informazione anche qualora venisse cancellata.
Il punto di forza della SOCMINT è l’acquisizione in tempo reale delle informazioni, grazie alla rapidità di accesso all’interno dei social media clusters, e questo permette di prevenire le azioni per le quali si è chiamati ad intervenire o di mitigare i danni, potendo agire per tempo lì dove l’illecito sia già in atto.
L’assenteismo, infatti, causa un importante danno all’azienda sia dal punto di vista economico che organizzativo, perché il dipendente percepisce un compenso che di fatto non gli spetta, e la sua condotta costringe il datore di lavoro ad adottare nuove soluzioni organizzative per sostituirlo.
Le agenzie investigative possono, quindi, monitorare “fisicamente” i dipendenti per evitare che questo danno si presenti (o che possa diventare troppo oneroso per l’impresa) e “virtualmente” con delle attività di OSINT/SOCMINT, potendo così prevenire, controllare, risolvere e raccogliere prove legali delle azioni dirette e indirette che possono screditare l’immagine, i prodotti, i servizi e le persone che fanno parte di un’azienda.


Servizi associati a questa notizia

Richiedi informazioni su INVESTIGAZIONI PER FALSA MALATTIA

----