ITALIANOINGLESE

Notizie
COSA SA GOOGLE DI TE? SCOPRILO CON UN CLICK

Autore / Fonte:
COSA SA GOOGLE DI TE? SCOPRILO CON UN CLICK
Ormai è un argomento ricorrente, una “abitudine” che continua a sorprenderci: Google ci fa trovare ovunque annunci pubblicitari su oggetti e servizi che abbiamo cercato anche solo una volta online, o che “suppone” possano interessarci. In alcuni casi sembra proprio leggerci nella mente.
Ma cosa sa davvero Google di noi, delle nostre abitudini? Possibile che abbia informazioni così dettagliate, così personali?
L’esperta di marketing Trish Kabob ha recentemente pubblicato un video sui social, nel quale spiega come fare a visualizzare i dati che Google ha raccolto su di noi in base alle ricerche che abbiamo fatto. Una curiosità del suo lavoro, che si dimostra utile a tutti.
Nel video, intitolato “Google sa fin troppo di tutti noi”, l’esperta spiega che esiste una pagina che possiamo visitare per capire quali sono tutte le ipotesi che Google ha formulato, in base alle nostre ricerche ed interessi, per poterci proporre un annuncio. La pagina si chiama Ads Settings, alla quale si accede dal proprio account Google, facendo prima l’accesso.
Potrete quindi vedere tutte le categorie nelle quali Google ci ha inseriti, dall’età, al sesso, alla città di provenienza, fino agli hobby ed agli interessi. Spesso la descrizione che Google fa di noi è incredibilmente accurata.
Ciò avviene perché quando utilizziamo gli strumenti Google, come la posta Gmail, YouTube etc, l’azienda raccoglie i nostri dati e li utilizza per personalizzare l’esperienza online, e gli annunci da presentarci.
Questo di conseguenza porta ad un aumento degli acquisti online ed ad un incremento delle vendite degli spazi pubblicitari.
Grazie ai consigli dell’esperta, ora anche i meno avvezzi all’utilizzo delle piattaforme online potranno avere un’idea di come vengono trattati i loro dati, ed intervenire per apportare delle modifiche in tal senso, ad esempio selezionando la voce “Personalizzazione degli annunci attivata” della pagina Ads Settings per disattivare la funzione, ricevendo così annunci impersonali e generali, e non più mirati.
Se si desidera che l’impostazione rimanga attiva, si possono disattivare una o più categorie, per non ricevere annunci su quegli argomenti.
È vero che molto spesso i profili che Google ha delineato sono accurati, ma è curioso notare anche come al contrario possano esserci errori grossolani, come fanno notare degli utenti in seguito al video pubblicato da Trish Kabob. Ci sono ad esempio 17enni che per Google hanno più di 50 anni, o chi vive in un luogo totalmente diverso da quello riportato.
Questo perché Google non può ancora distinguere tra le ricerche effettuate per interesse reale e quelle riferite ad altre situazioni, facendo, così, un po’ di “confusione”.
Se si vuole approfondire ciò che riguarda una persona in rete, è possibile raccogliere informazioni che influenzano l’identità digitale, in maniera dettagliata, tramite l’analisi OSINT del World Wide Web, identificando i canali web rilevanti ed eventuali informazioni lesive della reputazione del soggetto, grazie al monitoraggio, effettuato da esperti, di pagine pubbliche e social network.


Servizi associati a questa notizia

Richiedi informazioni su WEB INTELLIGENCE

----