ITALIANOINGLESE

Notizie
ASSEGNO DIVORZILE UNA TANTUM: COME FUNZIONA?

Autore / Fonte:
ASSEGNO DIVORZILE UNA TANTUM: COME FUNZIONA?
L’assegno di divorzio è una contribuzione economica a scopo assistenziale, versata mensilmente da uno dei due ex coniugi all’altro, economicamente più debole, dopo il divorzio. L'assegno può essere corrisposto in un'unica soluzione, ossia una tantum.
La Corte di Cassazione ha indicato degli "indici di prova" per stabilire quando l’ex coniuge è idoneo o meno a percepire l’assegno divorzile perché non autosufficiente (sentenza n. 11504/2017), che sono:
•    il possesso di redditi di qualsiasi natura;
•    il possesso di cespiti patrimoniali mobiliari e/o immobiliari;
•    le effettive capacità e possibilità di lavorare;
•    la disponibilità stabile di una abitazione.
Una volta definita la non autosufficienza di uno dei coniugi, in sede di divorzio le parti possono scegliere le modalità con le quali il coniuge a cui spetta il pagamento può assolvere al suo obbligo nei confronti del coniuge beneficiario, tra le seguenti:
-    la corresponsione dell’assegno divorzile periodico;
-    l’attribuzione in un’unica soluzione, ossia una tantum.
La modalità dell’una tantum prevede o un’unica somma di denaro forfettaria netta, pattuita con l’ex coniuge, o il trasferimento di un bene mobile o immobile all’altro (casa, terreni, autovettura etc) o di un altro diritto reale di proprietà. Questa modalità prevede necessariamente un accordo tra le parti, e non può essere decisa dal Giudice, che può solo valutare la sua equità.
L’una tantum va a sostituirsi totalmente all’assegno divorzile periodico. Per il coniuge beneficiario può essere una scelta vantaggiosa, perché in questo modo evita il rischio di ricevere l’assegno divorzile in ritardo o di non riceverlo affatto in alcuni periodi, evitando di attivare procedure per il recupero di ciò che gli spetta legalmente. Oltretutto non si corre neanche il rischio di vedersi ridurre o eliminare l’assegno divorzile, per cause imprevedibili, come una sostanziale diminuzione del reddito del coniuge che versa l’assegno. Infine, il quantum ricevuto non è tassato. Per il coniuge che invece deve corrispondere l’assegno, l’una tantum può rappresentare un modo per estinguere in maniera rapida e definitiva ogni obbligo con l’ex, evitando di dover necessariamente mantenere un rapporto di dipendenza reciproca. L’una tantum non può però essere scaricato fiscalmente, al contrario dell’assegno periodico.
Se il Tribunale ritiene equa l’una tantum non è più possibile effettuare delle modifiche, quindi chi ha goduto dell’una tantum non può più chiedere l’assegno periodico, se ad esempio dovesse ritrovarsi in stato di necessità. Viceversa, chi invece eroga l’una tantum non può chiederne la restituzione, neanche se subito dopo la risoluzione del suo obbligo, l’ex coniuge beneficiario dovesse risposarsi.
L’assegno divorzile può invece essere ricalcolato o eliminato in qualsiasi momento, se si presenta una delle seguenti variabili:
-    variazione delle condizioni economiche dei due coniugi (ad es. un sopraggiunto reddito o ingente aumento del patrimonio del beneficiario, o una drastica diminuzione del reddito dell’obbligato);
-    il coniuge beneficiario si risposa o avvia una nuova convivenza con un partner in grado di occuparsi del suo sostentamento;
-    la morte del coniuge obbligato a versare l’assegno.
Per chiedere la revisione dell’assegno è però necessario procurarsi legalmente le prove delle nuove condizioni reddituali o familiari dell’ex coniuge, da presentare al Giudice, ed è per questo che ci si rivolge alle agenzie investigative autorizzate. Se si vuole dimostrare, ad esempio, che il coniuge beneficiario in realtà percepisce un reddito in nero, è attraverso le indagini investigative che si possono ottenere le prove da utilizzare in Tribunale per chiedere l’eliminazione dell’assegno. Lo stesso se si vuole dimostrare la convivenza more uxorio del coniuge beneficiario. Le indagini patrimoniali, inoltre, possono essere determinanti nel ricalcolo dell’importo dell’assegno divorzile.


Servizi associati a questa notizia

Richiedi informazioni su INDAGINE PATRIMONIALE COMPLETA PERSONA FISICA

Chiamaci