ITALIANOINGLESE

Notizie
APPROPRIAZIONE INDEBITA E LICENZIAMENTO.

Autore / Fonte:
APPROPRIAZIONE INDEBITA E LICENZIAMENTO.
Il diritto penale afferma che la sottrazione indebita di oggetti di valore irrisorio non integri il reato di furto.
Ciononostante chi assume un simile comportamento è passibile di licenziamento per giusta causa ad nutum, cioè senza preavviso, in tronco, senza neppure ricevere una indennità.
Ciò poiché il dipendente che si appropria indebitamente di oggetti sul posto di lavoro spezza in modo irrimediabile il vincolo di fiducia che dovrebbe essere alla base di un rapporto di lavoro.
 Questo è stato confermato dalla Corte di Cassazione – sez. lavoro civile – sentenza n. 8816 del 5-4-2017.
Tale sentenza dichiara legittimo il licenziamento di un dipendente con mansioni di tecnico di manovra, che aveva sottratto 20 litri di gasolio (dal valore di 25/30 euro); infatti il licenziamento - extrema ratio fra le varie sanzioni disciplinari - è proporzionale all’illecito commesso, illecito che rende impossibile la prosecuzione del rapporto di lavoro.
 Sospetti che un tuo dipendente possa macchiarsi di comportamenti illeciti?
Chiama FIRSTNet INVESTIGAZIONI: 0237904022. La consulenza è gratuita!
I nostri agenti esperti, con grande professionalità, condurranno attività investigative di monitoraggio che permetteranno di individuare i dipendenti infedeli. Le prove documentali raccolte, foto e video, saranno decisive per procedere al licenziamento per giusta causa di chi lede il patrimonio della tua azienda.

*Fonte: https://www.diritto.it

Scarica l'allegato
Corte di Cassazione – sez. lavoro civile – sentenza n. 8816 del 5-4-2017.PDF


Servizi associati a questa notizia

Richiedi informazioni su MONITORAGGIO DIPENDENTI