ITALIANOINGLESE

INVESTIGAZIONI AZIENDALI
SMART WORKING E CONTROLLI DIFENSIVI

Tempi di evasione: 5 gg.

Lo smart working non è il vecchio telelavoro, ma è uno strumento manageriale innovativo, che si basa sui risultati e sulla prestazione, sul lavoro per obiettivi, e non sulla mera presenza e sul tempo (che non sempre corrispondono all’impegno).
Oggi le aziende, che vorranno proseguire con lo smart working, dovranno:
  • stabilire delle policy sulle modalità dei controlli a distanza. Infatti, senza le policy non si potranno utilizzare i dati acquisiti tramite gli strumenti utilizzati per lo smart working;
  • determinare un codice disciplinare che individui le condotte sanzionabili collegate all’attività lavorativa svolta fuori dai locali aziendali.
Inevitabilmente nasceranno delle problematiche legate alla nuova modalità di lavoro e qualche dipendente farà il furbetto.

Probabilmente qualcuno utilizzerà l’autonomia dello smart working per compiere atti d’infedeltà aziendale come la concorrenza sleale (magari svolgendo attività in favore di un concorrente), furto dati e falsa malattia oppure per dedicarsi maggiormente alla vita privata trascurando il lavoro.

Per questo continueranno ad essere utili i controlli difensivi, per individuare le condotte sanzionabili, non solo all’esterno, ma anche all’interno dell’azienda.




Richiedi preventivo su SMART WORKING E CONTROLLI DIFENSIVI